Abandoned Service Station, Adrian, TX

Posted in Panorama, Viaggio on febbraio 21st, 2012 by texo

Comincia a fare scuro mentre filo con l’auto in direzione di Tucumcari in New Mexico. Continuo a percercorrere ostinatamente la vecchia 66 nonostante l’interstate 40 corra molto più veloce poco distante. Devo riuscire a fotografare qualche altro bel rudere prima che faccia buio. Si sta inoltre avvicinando un temporale maestoso mentre percorro le ultime miglia di Texas.
Attraversando la cittadina di Adrian mi fermo ad ispezionare una stazione di servizio abbandonata che non é sfuggita al mio radar. Scendendo dall’auto prendo il cavalletto perché sono sicuro che qualcosa scatterò. La luce non mi convince ma scatto comunque con il cavalletto piazzato a due passi dalla strada.


View Abandoned Service Station, Adrian, TX. in a larger map

Senza farci troppo caso, noto con la coda dell’occhio un pick-up che arriva alla mia sinistra e mi supera.
Intanto finisco di scattare. Piego e raccolgo le gambe del trepiede, copro l’obiettivo della Fuji con il suo tappo d’emergenza, un cappuccio giallo appartenuto ad una bomboletta d’insetticida Bayer che calza alla perfezione sul parasole del 10.5 mm.

Quando mi rivolgo alla strada mi accorgo che il pick-up di prima ha fatto inversione a U, é tornato indietro e mi si é fermato di fianco.

“What are you doing?” mi chiede il vecchio sceso dal pickup.

Nella mia testa mi dico, forse addirittura in inglese “No, not again…” Ma quante volte qui in USA mi é capitato di dover rendere conto delle mie azioni a degli sconosciuti, sempre in the middle of nowhere, tra l’altro. Non a New York, davanti all’ingresso di una casa o a San Francisco, mentre forografo un giardino privato. No, sempre davanti a qualche rudere diroccato negli angoli più remoti e isolati del Nord America.

Mi rassegno e cerco di rispondere gentilmente a questo piccolo interrogatorio. “I was taking some pictures, sir.” Il vecchio mi scruta con la faccia seria e scocciata: “Why?” mi chiede.

Me la sentivo arrivare questa.  In circostanze normali perderei volentieri del tempo per rispondere a questa domanda che in effetti meriterebbe una vera risposta ma che in questo caso resta solo una domanda idiota.

“Because I like this building.” rispondo.

“That’s my property”

Ah! ecco che arriva puntuale la frase magica che tante volte mi sono sentito dire qui in USA, spesso accompagnata da qualche “I’m gonna ask you to leave” o altri inviti simili. Al rallentatore me la dice però, per sottolineare il disappunto.

“Sorry,  I didn’t know. Anyway I wasn’t even trespassing and there are no signs.”

Il vecchio ritorna al suo pick-up senza più dire niente, io mi incammino verso la mia macchina. Incidente diplomatico chiuso. Riparto a ovest cercando di capire i meccanismi mentali della gente. Mi immagino questo vecchio seduto nel suo pick-up, appostato tutta la giornata a pochi passi da questa stazione di servizio in rovina chissà da quanti anni. Fermo in attesa che qualche turista passando accanto alla sua service station finalmente la noti e si fermi.

Bingo!

Finalmente la sua giornata acquista un senso. C’é infine un motivo per fare qualcosa, una ragione per rivendicare il suo diritto di proprietà ed esercitarlo nei confronti di qualche sconosciuto. O forse è solo il pretesto per poter finalmente parlare con qualcuno, per ritornare un momento tra gli esseri viventi.

 

 

Tags: , , ,

McLean, TX

Posted in Panorama, Viaggio on dicembre 12th, 2011 by texo

Direi che è finalmente giunto il momento di cominciare a pubblicare alcune delle panoramiche scattate l’estate passata durante il mio ultimo viaggio attraverso gli Stati Uniti d’America.

La panoramica che pubblico oggi racconta di un mio tipico pomeriggio esplorativo a caccia di edifici dismessi e diroccati lungo la Strada Madre. Mi trovo a McLean, Texas settentrionale, su in cima, nel “panhandle”, quella porzione squadrata di Texas che si infila tra Oklahoma e New Mexico. La 66 scorre dritta attraverso un paesaggio piatto fatto di praterie. Di tanto in tanto si attraversano queste cittadine post-atomiche dall’aspetto quasi disabitato prive di attività e vita, apparentemente. A McLean, come dicevo, passo veloce accanto ad una vecchia pompa di benzina oramai abbandonata chissà da quanti anni. Non ho più neanche bisogno di vederla e comprenderla, tanto sono abituato. Mi basta che entri nel campo visivo e anche se non ci ho fatto caso, il mio cervello la registra e me la notifica. Mi fermo, faccio inversione di marcia e mentre torno indietro già penso a dove potrò parcheggiare in modo che la mia auto resti completamente fuori vista alla panoramica che probabilmente scatterò. Una procedura oramai diventata automatica. Parcheggio dietro un piccolo magazzino, prendo macchina e cavalletto e mi dirigo verso il rudere. Mano a mano che mi avvicino si conferma l’impressione quasi subcosciente che avevo avuto passandogli accanto in automobile la prima volta. Sembra magnifico. Il caldo é opprimente, l’aria immobile. Ho già la maglietta appiccicata al petto e sto sudando. C’é un silenzio quasi cinematografico, come quello dei film western, quando lo straniero entra nella cittadina apparentemente disabitata, percorrendo la via principale, quella in cui si svolgono i duelli all’ultimo sangue.

Sono davanti all’edificio. faccio un giro a 360 gradi con lo sguardo. Vedo la strada che arriva e che riparte, tutta deserta. Arrivo sotto la tettoia che probabilmente un tempo ospitava le pompe di benzina. Manca la porta d’ingresso. Mi avvicino e getto uno sguardo all’interno.

Un forte rumore rompe il silenzio. Mi blocco un istante mentre da una fessura che dalla facciata esterna porta al sottotetto interno si gettano in volo all’esterno una decina di piccioni ai quali ho probabilmente disturbato l’ora della siesta. Mi infilo all’interno di questo locale, scorgo un soffitto ribassato parzialmente sfondato e un caos di detriti in ogni angolo. Una gioia per gli occhi. Non potevo desiderare niente di più fotogenico in questo pomeriggio d’estate nel cuore dell’America. Una tazza del cesso é stata trascinata fuori dal bagno e sta li, quasi bella di fianco a una vecchia poltrona sgualcita. Calcinacci e farraglia ovunque, autoradio scassate, barattoli vuoti e roba arrugginita, vetri rotti e merda di piccione ovunque. Piazzo il trepiede, metto in bolla la testa panoramica e comicio a leggere le esposizioni con la Fuji S3 Pro.

la scoperta di questo rudere mi ripaga tutta la giornata.


View McLean, TX in a larger map

Tags: , ,

Images from Historic Route 66

Posted in Fotografia, Panorama, Viaggio on agosto 26th, 2009 by texo

Questa é una piccola selezione di panoramiche a 360° scattate durante il mio vagabondaggio nord americano. Riguardano la Strada Madre e sono state scattate a cavallo tra Oklahoma, Texas, New Mexico e Arizona.

Images from Historic Route 66

Tags: , , , ,

Route 66

Posted in Viaggio on luglio 24th, 2009 by texo

Minchia quanta strada ho fatto oggi. Non vedevo l’ora di arrivare sulla 66, ma forse non vedo l’ora di arrivare nel deserto. Sono partito da Little Rock alle 9 del mattino  e sono arrivato qui a Oklahoma City alle 9 di sera. Ma io potrei senza dubbio fare il camionista. Questa mattina sono partito con l’intenzione di prendere la 66 sin dall’inizio dell’Oklahoma, in alto ad est. Così mi sono diretto a Joplin e da li ho cominciato la mia lunga discesa lungo la “strada Madre”. Ho avuto ancora un po’ di tempo per entrare in Missouri e Kansas (tutti nomi che evocano roba fantastica). Devo ammettere che non é stato semplice seguire la strada madre, che a tratti scompare, a momenti non é che una stradina di campagna in terra battuta e per lunghi tratti ha ricevuto numerazioni differenti.

66

conocoIl passato glorioso di questa strada é ancora visibile. E’ curioso notare come si sia deciso di lasciare deperire gli edifici dismessi senza abbatterli. E’ il tempo a compiere il suo intervento demolitore. Le piante si impadroniscono delle case abbandonate e col passare dei decenni se le mangiano letteralmente. Ogni piccola cittadina mostra con orgoglio ma a volte anche con rassegnazione la classica via centrale con le due file di edifici spogli. Gran parte dei businness sono chiusi, tutti belli, bellissimi ma chiusi. Comunque oggi in USA non si costruisce più così.

Ok, señores y señoras,
oggi ancora un miliardo di miglia dedicate alla splendida esperienza che é la 66. Sono più o meno riuscito ad impostare il navigatore in modo che mi carichi degli itinerari specifici, strade non asfaltate incluse, e dunque l’esperienza immersiva é stata finalmente totale. Ho finalmente assaporato la remota solitudine di paeselli sperduti sul “tavolo piatto” tra Oklahoma e Texas. E’ stato un festival del decrepito, il trionfo del rudere.

sayre

Tra l’altro sto gustando la prima cena messicana qui all’Acapulco in centro Amarillo. Un gustoso Acapulco Combo Plate servito su un piatto a mille gradi credo. Il locale é immenso, grande come metà Piazza Riforma con tanto di fontana zampillante al centro e sto mangiando di gran gusto. Una nota stonata però: sto bevendo un piscio di birra. Michelob Ultra che deve essere analcolica perché io di alcohol non ne sento proprio.

Qua c’é una cameriera un po’ tanto giovane ma fotocopia di Eva Mendes giusto per aggiungere un po’ di colore. Ho appena constatato che la salsa per intingere i nachos contiene coriandolo. Che grande creatura il coriandolo. Lo faccio tra l’altro crescere a Certara.

Oh! E’ partita una ola spontanea da parte mia perché la cameriera mi ha recuperato una Sam Adams. Mamma mia che differenza rispetto alla Piscelob.

Sapete che vi dico? Una volta nella vita conviene farsi un po’ di 66 in Oklahoma, soprattutto ascoltandosi un po’ di musica giusta, come per esempio alcuni brani pubblicati su questo blog. Ci stanno alla grande. Non so se l’ho già scritto ma oggi ho vissuto momenti di pura gioia bucolica mentre percorrevo delle tratte di strada assai dissestate. Un paio di volte mi sono visto costretto a fare marcia indietro perché la strada era inagibile! ma é o non é una figata un fatto simile? Dico io!

66_nascostamotelbenzinaregularfar_roadsgarrupo

Si parla proprio spagnolo qui dentro. Anche questa é una figata.
Bene, adesso me ne torno in motel dove 2 Sam Adams mi aspettano sulla ventola dell’aria condizionata.

Tags: , , ,