Cattedrali del Midwest

Posted in Panorama, Viaggio on gennaio 8th, 2012 by texo

I silos granari rappresentano assieme alle torri idriche gli edifici più alti e riconoscibili delle campagne piatte del Midwest.

Bill Bryson, in America Perduta, li definisce efficacemente “cathedrals of the Middle West, the ships of the prairie seas” ovvero le cattedrali del Midwest, le navi delle praterie.



Visualizza Hydro CO-OP Grain Elevator, OK in una mappa di dimensioni maggiori

Tags: , ,

Lucille’s Gas Station, Hydro, Oklahoma

Posted in Panorama, Viaggio on dicembre 27th, 2011 by texo

Un’altra stazione di servizio cui si fa menzione nel Registro Nazionale dei luoghi storici la si incontra poco prima di arrivare a Hydro. Fu costruita nel 1929 da Carl Ditmore. Nel 1941 Lucille and Carl Hamons divennero i nuovi proprietari. Lucille gestì la stazione di servizio per 59 anni fino alla sua morte nel 2000. Provine Service Station é il suo nome ma é più conosciuta con il nome di Lucille’s.


Visualizza Lucille’s Gas Station, Hydro, Oklahoma in una mappa di dimensioni maggiori

Tags: , , , ,

Viaggio nell’immaginario

Posted in Viaggio on aprile 21st, 2010 by texo

Azz, ma che voglia di Route 66… In questo istante, mi é arrivata tutta d’un tratto. Stavo esaminando le statistiche legate alla mia pagina di panoramiche scattate la scorsa estate e pare che questo pomeriggio qualcuno in Canada si sia lasciato trasportare dalle mie fotografie. Mentre controllo quelle visitate mi assale la nostalgia per questa strada che merita sicuramente una seconda visita.


Old filling Station, Glenrio, on the Texas/New Mexico state line in USA

E’ quasi indescrivibile il mio stato d’animo in questo istante. Cerco di ricordarmi qualche momento di questo mio magnifico viaggio e allora comincio con il primo approccio alla strada madre. Sono su, in alto, nell’ angolo nord-orientale dell’Oklahoma e  mi appresto ad attraversare, nel primo pomeriggio di una tipica giornata di piena estate, una cittadina nel cuore del midwest americano che sembra uscita da un film girato 60 anni fa. Miami, OK. Niente a che vedere con la più celebre città sulla costa est della Florida, solo una strada dritta, larghissima, che sale leggermente attraversando questa cittadina che nella mia memoria sembra il set di “Happy Days” di fonzarelliana memoria. Io sono abbastanza imbambolato in questo istante e procedo lentamente con la mia Toyota anche se vorrei essere al volante di una chevy degli anni cinquanta. I semafori penzolano agli incroci delle strade, appesi ai tiranti tesi tra gli edifici che la costeggiano. Incroci enormi per un traffico oramai inesistente. Faccio un veloce esercizio mentale e cerco di immaginarmi tutta la città mezzo secolo fa. Sul sedile di fianco al mio ci sono le mappe aperte di quest’angolo d’America e il mio navigatore con i percorsi storici mi ricorda che sto attraversando la Historic Route 66. Il mio procedere é ora abbastanza solenne. Esco da Miami e ponendo una fiducia incondizionata nel navigatore satellitare imbocco una strada sterrata che devia perpendicolarmente dalla strada principale e mi getta in piena campagna piatta, arsa dal sole, impolverata, sterminata. Sto viaggiando anche nel mio immaginario in questo momento. Non é solo una strada quella che sto percorrendo, é anche uno stato d’animo, un miraggio, un viaggio sognato mille volte, un emozione immaginata prima dei miei vent’anni, quando c’era questo futuro che era un sogno, un’aspirazione, una cosa che avrei fatto se fossi stato mitico. Quando ero giovane e passeggiavo un po’ trasognante per le strade della mia città avevo in testa questa immagine. Cazzo se ce l’avevo! Non l’avevo mai vista, l’avevo solo immaginata. Era il mio paradiso mentale, il mio stato di pace. Quando immaginavo di essere sereno immaginavo questa realtà a mezza strada tra cinema e musica, una realtà che avevo creato col tempo, che si era costruita nella mia testa con brandelli di musica, spezzoni di film e libri letti. Un pastone emotivo che in questo momento sto  rivivendo. Non sono sicuro di rendere bene l’idea, ma adesso mi ricordo che intorno ai miei diciott’anni stavo  seduto in camera a casa mia, ipnotizzato dalla copertina di Nuthin’ Fancy dei Lynyrd Skynyrd, anzi, il retro della copertina con i sette di Jacksonville che camminano lungo una strada di campagna a Green Cove Springs, in Florida, vicino alla Hell House, il loro studiolo per le ripetizioni e io mi immaginavo di essere li mentre ascoltavo le note di quel fantastico disco.

Anche se sicuramente non ha niente a che vedere con i Lynyrd io adesso mi sento nella copertina di quel disco, ci sono dentro, la sto vivendo, cazzo! In aperta campagna alle 2 del pomeriggio immerso nel silenzio di questa pianura al centro del Nord America mentre sollevo un gran polverone attraversando questa stradina a corsia unica senza una vera meta, diretto esclusivamente nei miei pensieri. Sembra che io abbia preso questa strada solo per viaggiare nel mio immaginario, per sollecitare quei formidabili pensieri  che avevo a diciotto anni.

Che voglia di Route 66…

Tags: ,

Images from Historic Route 66

Posted in Fotografia, Panorama, Viaggio on agosto 26th, 2009 by texo

Questa é una piccola selezione di panoramiche a 360° scattate durante il mio vagabondaggio nord americano. Riguardano la Strada Madre e sono state scattate a cavallo tra Oklahoma, Texas, New Mexico e Arizona.

Images from Historic Route 66

Tags: , , , ,

Route 66

Posted in Viaggio on luglio 24th, 2009 by texo

Minchia quanta strada ho fatto oggi. Non vedevo l’ora di arrivare sulla 66, ma forse non vedo l’ora di arrivare nel deserto. Sono partito da Little Rock alle 9 del mattino  e sono arrivato qui a Oklahoma City alle 9 di sera. Ma io potrei senza dubbio fare il camionista. Questa mattina sono partito con l’intenzione di prendere la 66 sin dall’inizio dell’Oklahoma, in alto ad est. Così mi sono diretto a Joplin e da li ho cominciato la mia lunga discesa lungo la “strada Madre”. Ho avuto ancora un po’ di tempo per entrare in Missouri e Kansas (tutti nomi che evocano roba fantastica). Devo ammettere che non é stato semplice seguire la strada madre, che a tratti scompare, a momenti non é che una stradina di campagna in terra battuta e per lunghi tratti ha ricevuto numerazioni differenti.

66

conocoIl passato glorioso di questa strada é ancora visibile. E’ curioso notare come si sia deciso di lasciare deperire gli edifici dismessi senza abbatterli. E’ il tempo a compiere il suo intervento demolitore. Le piante si impadroniscono delle case abbandonate e col passare dei decenni se le mangiano letteralmente. Ogni piccola cittadina mostra con orgoglio ma a volte anche con rassegnazione la classica via centrale con le due file di edifici spogli. Gran parte dei businness sono chiusi, tutti belli, bellissimi ma chiusi. Comunque oggi in USA non si costruisce più così.

Ok, señores y señoras,
oggi ancora un miliardo di miglia dedicate alla splendida esperienza che é la 66. Sono più o meno riuscito ad impostare il navigatore in modo che mi carichi degli itinerari specifici, strade non asfaltate incluse, e dunque l’esperienza immersiva é stata finalmente totale. Ho finalmente assaporato la remota solitudine di paeselli sperduti sul “tavolo piatto” tra Oklahoma e Texas. E’ stato un festival del decrepito, il trionfo del rudere.

sayre

Tra l’altro sto gustando la prima cena messicana qui all’Acapulco in centro Amarillo. Un gustoso Acapulco Combo Plate servito su un piatto a mille gradi credo. Il locale é immenso, grande come metà Piazza Riforma con tanto di fontana zampillante al centro e sto mangiando di gran gusto. Una nota stonata però: sto bevendo un piscio di birra. Michelob Ultra che deve essere analcolica perché io di alcohol non ne sento proprio.

Qua c’é una cameriera un po’ tanto giovane ma fotocopia di Eva Mendes giusto per aggiungere un po’ di colore. Ho appena constatato che la salsa per intingere i nachos contiene coriandolo. Che grande creatura il coriandolo. Lo faccio tra l’altro crescere a Certara.

Oh! E’ partita una ola spontanea da parte mia perché la cameriera mi ha recuperato una Sam Adams. Mamma mia che differenza rispetto alla Piscelob.

Sapete che vi dico? Una volta nella vita conviene farsi un po’ di 66 in Oklahoma, soprattutto ascoltandosi un po’ di musica giusta, come per esempio alcuni brani pubblicati su questo blog. Ci stanno alla grande. Non so se l’ho già scritto ma oggi ho vissuto momenti di pura gioia bucolica mentre percorrevo delle tratte di strada assai dissestate. Un paio di volte mi sono visto costretto a fare marcia indietro perché la strada era inagibile! ma é o non é una figata un fatto simile? Dico io!

66_nascostamotelbenzinaregularfar_roadsgarrupo

Si parla proprio spagnolo qui dentro. Anche questa é una figata.
Bene, adesso me ne torno in motel dove 2 Sam Adams mi aspettano sulla ventola dell’aria condizionata.

Tags: , , ,