Bulbo Oculare

Dopo una strana notte trascorsa a girovagare cencioso per un India notturna, sempre al chiaro di luna, operosa come di giorno ma senza luce, tutto blu-scuro-grigio, incontrando famiglie con bambini silenziosi, percorrendo sentieri tortuosi persi nelle foreste, sono finalmente sveglio ma ancora infilato sotto le coperte, non ho voglia di alzarmi. Il mio sguardo sta scandagliando tutta la mia camera, da sinistra a destra, come il bio scanner in Alien. Arrivo finalmente all’orologio, sono le 5 e 45 e dovrei alzarmi. Rimetto la testa in bolla e fisso il soffitto sopra di me. Un ragno in perlustrazione sta gironzolando in cima alla mia perpendicolare. Mi cadrebbe dritto in faccia se perdesse la presa ma sembra andare sicuro.

Alzati, testa di cazzo!

Mi insulto per convincermi ad alzarmi. Mi metto seduto e aspetto che tutti i miei circuiti si riattivino. Come una sequenza di boot. Ora mi alzo e vado in bagno. Mi sto muovendo ma non cammino, Esco dalla mia camera, entro in cucina, giro intorno al tavolo. Non tocco terra, mi sento come un accappatoio appeso, stanco e tutto piegato. Arrivo in bagno e mi guardo un attimo allo specchio. Mi abbasso per sciacquarmi la faccia. Prendo spazzolino e dentifricio, svito il tappo e lo appoggio, prendo il tubetto, lo avvicino all’occhio destro e comincio a premere fino a che la pasta non ha ricoperto tutto l’occhio aperto e riempito l’orbita.

Ora con lo spazzolino bagnato comincio a fregare sull’occhio. Faccio piccoli cerchi, come mi hanno insegnato da bambino.

[audio:http://www.texos.ch/blog/wp-content/uploads/Occhio-Blood.mp3|titles=Occhio Blood]

C’é schiuma ora, sempre di più. Continuo a spazzolare. Ora la schiuma comincia a tingersi di rosso. Continuo a fregare. Sto spaccando tutti i capillari e l’occhio sanguina ma continuo a fregare.

Poi suona la sveglia e mi sveglio davvero

Tags:

2 Responses to “Bulbo Oculare”

  1. Roscoe15 Says:

    Consigli per una buona igiene oculare:

    prendere uno spazzolino da denti in setole artificiali a testina piccola e cambiarlo ogni due, tre mesi;

    passare lo spazzolino con poco dentifricio (non importa quale, ma meglio se fluorato) su tutte le superfici oculari con movimento rotatorio;

    passare il filo interoculare almeno una volta al giorno facendolo scivolare fra le cavità orbitarie e il bulbo rimuovendo le scorie lacrimali e la presenza batterica presente sulle superfici dove lo spazzolino non può arrivare;

    facoltativo: usare un collirio fluorato al termine delle manovre di igiene;

    eseguire, se necessario una seduta di igiene professionale ogni 6-12 mesi dal proprio specialista;

    Al risveglio ricordarsi di controllare l’uso di distillati e cibi pesanti prima di coricarsi.

  2. floating Says:

    …mmm….io ci aggiungerei anche due gocce di limone per disinfettare e qualche granulo di sale grosso per asciugare bene bene lì dietro.

Leave a Reply