Capozzi in NYC

Posted in Viaggio on marzo 9th, 2017 by texo

Me lo ricordo benissimo il giro che abbiamo fatto a New York col Capozzi, siamo partiti dall’undicesima avenue, o giù di lì, veramente in fondo, quasi riversi nell’Hudson River, faceva freddo, soffiava un vento forte e il cielo era grigio. Stavamo non lontano da dove domenica a mezzogiorno ci eravamo fatti una sontuosa Porterhouse con ottimo vino, deliziose birre prima e blody Mary ancora prima. Si partiva su questo furgone grigio con guida dapprima piuttosto prudente da parte di Michele e vieppiù sempre più spavalda. Su in alto, di mattina, per cercare una tavola calda ad Harlem, Sylvia’s su Malcolm X Boulevard, luogo assai storico e vera cucina famigliare. Poi moschea con palazzo annesso costruito un po’ di fianco e un po’ sopra. Sosta alla Columbus University con gente sapiente che corre pensierosa e freddo. Ricordo una sosta presso una casa vecchissima in cima ad una collina.

In un qualche imprecisato momento ci siamo diretti più a nord. Il Bronx risveglia solo pensieri memorabili, confusi, trame di film, sequenze cinematografiche, dispacci d’agenzia, morti e guerre tra bande, Bob De Niro e tanta altra bella roba. Arthur Avenue con le sue botteghe italiane in un abbacinante caos di mozzarelle sospese, salsicce, birra Peroni e un ottimo caffe da Ignazio, in un club insospettabile, nascosto dietro un’anonima porta che si apre in una traversa buia di Arthur Av. Foto di italianità alle pareti, il gagliardetto del FC Corleone attira la mia attenzione. Poi siamo tutti leggerissimi mentre ci incamminiamo verso il furgone prima di decidere dove andare a mangiare. C’é anche un ricordo fumoso e un po’ blurrato che ci vede tutti da Katz’s Delicatessen a iungurgitare chilate di pastrami. Forse era la sera della festa di compleanno di Mark, dopo aver assaggiato all’incirca 25 birre differenti da Ginger Man.

Scaffale degli orrori presso Gustiamo con amica di Capozzi. Per cena mi ricordo un Diner con un nome mitologico, tipo Poseidon (Neptune Diner), ad Astoria, sotto un viadotto a pochi passi da pozze di acqua morta circondate da cespugli sofferenti senza foglie e sacchetti di plastica stesi tra i rami come bandiere. Doppio Cheesburger Deluxe con potatoes e cetriolo. Poi forse rientro in albergo a Chelsea. La mattina dopo un caffé al volo a Brooklyn poi attraversiamo Williamsburg con le sue scuole talmudiche e ortodossia ebraica ovunque. Graffiti anti-Hillary Clinton sul marciapiedi, si passa accanto alla birreria Brooklyn Brewery ma non ci si ferma. Ci si dirige verso Brighton Beach, sulla penisola di Coney Island. Piscio in un bagno pubblico amplissimo sulla boardwalk. Vento sempre più insopportabile mentre camminiamo lungo la spiaggia totalmente deserta. L’acqua dell’atlantico è gelida quassù a New York.

Entriamo da Volna, un ristorante russo che si affaccia sulla boardwalk. A guardarlo dalla spiaggia è uguale identico ad un quadro di Hopper questo pomeriggio luminoso e deserto a Coney Island, con il vento che solleva la sabbia, i gabbiani che fanno casino e null’altro in giro. Pomodori, cetrioli e cavolo in salamoia, aringhe affumicate, beef stroganov, borsh georgiano, birra e vodka. La testa si fa pesante. Al rientro, prima di attraverssare Brighton Beach, un’ambulanza ebraica ci blocca la strada. Passiamo accanto al Verrazano Bridge, pian piano il sole scende e la sera si fa colorata. Cerco di fotografare maestose strutture metalliche dal furgone in piena corsa mentre ci dirigiamo verso Roosvelt Island, nel bel mezzo dell’East River. Qui un altro piscio tattico mentre scatto foto al Queensboro Bridge da sotto. La sera prima nel Village trascorriamo dei momenti epici dapprima da Mezzrow, scolandoci bourbon e asoltando un discreto trio chitarra, double bass e sax, poi usciamo, attraversiamo la strada e ci infiliamo di sotto da Smalls. In questa cantina tutta affollata David Gibson da fiato al suo trombone, Pat ha appena raccattato in strada un chiodo Cartier d’oro massiccio. Le panche in questo jazz club sono tutte occupate e Gibson é veramente cool mentre suona Inner Agent

 

Tags: , ,

Astroland Park

Posted in Fotografia on marzo 8th, 2010 by texo

E’ un pomeriggio coperto e le strade di Brighton Beach sono abbastanza affollate. Abe e Mitzi passeggiano a braccetto. Abe é troppo lento nell’attraversare la strada e le automobili si devono fermare per permettergli di raggiungere l’altro lato della strada. Lui alza il braccio per essere sicuro di esser visto mentre guarda dritto davanti a se e cerca di raggiungere Mitzi che lo attende sul marciapiedi opposto. Fa freddo e l’aria fresca e umida dell’oceano si infila tra le case e soffia lungo le strade. Bisticciano camminando. “Fai attenzione, stai andando troppo veloce. Andrà a finire che cadi e ti rompi l’anca” dice Mitzi ad Abe. “Sei te che vai troppo veloce, se non ti va come cammino, trovatene uno più giovane e sposatelo” risponde Abe.

Questa coppia magistralmente interpretata dal novantacinquenne Eli Wallach e da Cloris Leachman chiude il film a episodi New York, I Love You, un’ opera firmata a più mani da diversi registi che vede come protagonista la città di New York e storie di coppie raccontate sullo sfondo di questa incredibile metropoli.

Abe e Mitzi terminano la loro passeggiata a Coney Island, dove si fermano a contemplare l’oceano, con tutto il peso di un cielo cupo sopra, proprio di fronte all’Astroland Park.

Io ho scattato una fotografia in quel luogo alcuni anni fa che a me procura esattamente la stessa emozione.

Cloris Leachman

Tags: , ,