101 South a tutta birra

Ohhhh, sollievo! Ho anticipato di un giorno la consegna della Jeep e sono dunque sceso a San Francisco molto velocemente. Oregon e costa sono belle iniziative ma in fondo mi importa sega. Io vengo in questo paese per il deserto, dunque California, Nevada, Arizona, New Mexico e Utah e per alcune città imperdibili. San Francisco è una di queste. Mi sto già immergendo nel mood giusto qui alle sette di sera mentre mando giù una deliziosa Anchor Steam al Vesuvio in Columbus Ave.

Questo locale è bellissimo: ampia balconata in legno, luce soffusa, un sacco di roba appesa ai muri, vecchi articoli di giornale, quadri, enormi specchi, Led Zeppelin in sottofondo, lampadari liberty con vetri colorati.

IMG_0894IMG_0893

Questa sera si mangia cinese. Ho addocchiato un paio di locali in una laterale di Kearny st. tra luridi vicoli nascosti e vecchissimi cinesi mendicanti in Jackson st. Ci manca solo Snake (Jena) Plissken!
Ah che figata dentro questo ristorante! Mi sembra di essere tornato a Beijing. Parlano tutti cinese qui attorno a me e mi tornano in mente le cene interminabili in Dongzhimen a nord est della città proibita, allora si trattava della cucina dello Sichuan con il suo abbondantissimo uso del peperoncino.

IMG_0892IMG_0889

Domani sono d’obbligo un paio di slices di pizza da Escape from New York a Haight-Ashbury.

Tags:

6 Responses to “101 South a tutta birra”

  1. cRaB Says:

    Vesuvio: è dove ci è quasi crollato un lampadario in testa?

  2. texo Says:

    In verità non esattamente. Quello in cui ci cadde il lampadario addosso sta una cinquantina di metri più in basso. Ai tempi si chiamava San Francisco Brewing Company se non sbaglio, ora deve aver cambiato gestione. E’sempre un pub/ristorante ma porta un altro nome.

  3. Anonimo Says:

    ahhh, come mi torna in mente, a Frisco, quella donna di cuori appesa sul soffitto … Grandi ricordi Texo, a presto !

  4. Il Piotto Says:

    … l’anonimo sono io …

  5. Jupiter Says:

    Effettivamente la SF brewing company dove comprammo pure magliette (verde la mia) non è più presente. L’ultima volta che sono passato stavano facendo lavori di ristrutturazione nell’immobile e mi dicevano che il locale avrebbe avuto nuova gestione. Comunque Vesuvio mitico… Mi manca pure un abbondante slice di pizza all’Escape from NY, giro per i negozi vintage di Haight, passaggio all’Amoeba record store alla ricerca di chicche musicali e pinte di birra al pub con grande bancone in legno… E all’uscita sulla strada un po’ avvolta nella nebbia immancabile saluto finale di Captain Commander fleshatissimo!!! SF quante emozioni!

  6. texo Says:

    È esattamente la situazione che vado a cercare oggi, un salto sul MUNI e poi Haight-Ashbury.

Leave a Reply