Texo goes to Africa – ricordi di terzo grado

Voglio aprire questo nuovo interessante capitolo con una nota mai pubblicata che ho appena scoperto sulla mia Moleskine. Era più o meno un anno fa e mi recavo in Cina per la terza volta scrivendo:
Sto volando a Pechino, da un’ora circa. Ho svuotato la zampogna qualche minuto fa, eppure avevo bevuto solo una Peroni. Adesso mi sento veramente meglio. Air China é il mio vettore. E’ la prima volta con loro e so far so good. Sono comunque lontani gli anni dei ribaltamenti per raggiungere lo stordimento necessario per permettermi di volare serenamente. Nelle cuffie adesso ho quel fantastico album che i Filter pubblicarono nel 1999, credo, o giù di li. Mi ricordo che lo ascoltai per la prima volta, intensamente, in treno mentre da Chicago tornavo dai miei amici a New York City. 25 ore di viaggio. Quell’anno la mia vacanza americana si contraddistinse per una lunga serie di trasferte massacranti a bordo di autobus e treni. Ma quanto pompa ancora quest’album dei Filter? Dopo tutti questi anni? Tiene ancora alla grande. The Best Things é un gran pezzo. Take A Picture é puro piacere.

Sto anche ascoltando Mastodon mentre rilascio nell’aria piccole dosi di scoreggia sapientemente dosate per non attirare l’attenzione, una delicatissima operazione di diluizione gassosa equilibrata e quasi graziosa.

Sacchettini, plastichine, pacchettini, scatarramenti, starnuti improbabili, sgrufolamenti nasali, colpi di tosse plateali, rutti di uomo e di donna. Tutta una costellazione di rumori fastidiosissimi. Sto ripartendo per l’Europa e all’orizzonte vedo boschi di gas.

Fine della nota ritrovata

Texo Goes To Africa, dicevo all’inizio.

005

E’ l’una e mezzo del mattino, 11887 metri d’altezza per essere precisi, sopra Agadir. Sono partito da Milano alle 18. A mezzanotte pascolavo lungo una desolata sala d’imbarco all’aeroporto Mohammed V di Casablanca. Fra qualche ora ci sarà uno scalo tecnico a Lomè in Togo e poi ripartirò in direzione di Accra in Ghana. Sto ascoltando If You Dare della mono-band Idaho, sorseggiando un discreto vino rosso marocchino, Toulal Reserve.

 084

049070064

055 047

048 111

001094

Mercoledì sera, abbiamo già terminato il nostro lavoro fotografico presso la Menaye School of Hope, nella Regione Centrale del Ghana e siamo ritornati ad Accra. Adesso sto sorseggiando un goccio di Glenlivet versato nel tappo della mia bomboletta di schiuma da barba e domani dedicheremo tutta la giornata alla perlustrazione di questa città di cui non abbiamo ancora visto molto.

Tags: ,

4 Responses to “Texo goes to Africa – ricordi di terzo grado”

  1. Jupiter Says:

    Texo for Africa!!! Bellissime le foto presso la school con tutti gli allievi!

  2. Jupiter Says:

    Ma c’era anche Menaye, moglie di Muntari AC Milan?

  3. texo Says:

    No, non c’era purtroppo ma abbiamo goduto della fantastica accoglienza della famiglia. I genitori di Menaye hanno fondato la scuola e la visitano settimanalmente.

  4. cRaB Says:

    Ottima esperienza. Bellissime pix.
    Poi i sorrisi dei bambini sono fantastici.
    E giocano con i copertoni.
    E mica tutti lì chini sui melafoniniducazz.

Leave a Reply