798 Art Zone

La velocità nasconde le cose: sto attraversando le alpi, stupende, e vedo le creste innevate attraverso l’elica destra di un Saab 2000 che gira vorticosa e trasparente. Tutto bellissimo stamattina con il sole radente.

Ma cazzo, negli aerei c’é sempre puzza di scoreggia! Qualcuno col culo sporco, di sicuro. E’ una costante.

Adesso sono seduto fuori dall’albergo qui a qualche chilometro dal 798 Art Zone nel distretto di Chaoyang a Beijing e una coppia di chitarristi cinesi canta e suona alla prefezione musica americana e britannica per un pubblico prevalentemente americano mentre fumo uno spettacolare Cohiba, Fidel Castro é annunciato morto e un ottimo Glenfiddich mi lubrifica di piacere.

Abbiamo cenato in un ristorante abbastanza popolare, con sedie, muri e pavimenti abbastanza luridi ma cibo notevolmente speziato che lascia presagire un po’ di sofferenza per domani mattina. Pechino assai soleggiata questo pomeriggio mentre facevamo sopralluoghi presso il distretto artistico del 798, nell’area 751, con le spettacolari strutture metalliche che per me significano paradiso estetico rugginoso e ispirazione cromatica.

Sono sveglio da 39 ore…

Tags: , ,

3 Responses to “798 Art Zone”

  1. Il Piotto Says:

    Texo, sei un mito !! Comunque mi speghi come fai a bere il brodo con i bastoncini …
    Morte di Fidel, comunque, smentita !
    Berge Roehen / B’Ergeroehen / Ber Gerohoen / Berger Ohen …

  2. barbacertara Says:

    Ti osservo

  3. jupiter Says:

    ottimo district 798 art zone… scatenati con le pix e compra qualche opera di artisti emergenti…

Leave a Reply